museo egizio di torino

Museo Egizio di Torino

 

Museo Egizio di Torino: la storia

Il Museo Egizio di Torino è considerato uno dei più importanti del mondo, secondo soltanto a quello del Cairo.

Il nucleo originale della collezione oggi ospitata nella sede di Via Accademia delle Scienze risale è costituito dalla collezione di Bernardino Drovetti, cittadino piemontese console generale di Francia mentre la Francia occupava l’Egitto. La collezione di Drovetti superava gli 8.0000 reperti e fu acquistata per la somma di 400.000 Lire dal Re Carlo Felice.
Carlo Felice unì a questa già sterminata collezione di reperti egizi e quelli di origine classica già appartenenti a Casa Savoia, tra cui compariva anche la famosa Collezione Donati precedentemente appartenuta a Vitaliano Donati, egittologo padovano.

Toilet_box_museo-egizio-torinoNel 1824 Torino accolse quindi il primo Museo Egizio del mondo, nella stessa sede in cui è ospitato oggi.

Con il tempo la collezione del Museo andò ampliandosi in continuazione, soprattutto grazie al lavoro di uno dei più illustri direttori dell’Egizio: Ernesto Schiaparelli, che condusse personalmente diverse campagne di scavo in Egitto. Dalle sue spedizioni Schiaparelli riportò a Torino numerosissimi reperti di enorme valore e sotto la sua direzione il Museo arrivò ad ospitare oltre 30.000 pezzi.

Completamente ristrutturato nel 2015 dopo importanti lavori che si protrassero per oltre 2 anni, il Museo ha più che duplicato la sua area espositiva e si è dotato di innovative infrastrutture informatiche che consentono una più facile e più approfondita fruizione delle sue collezioni.

Attualmente il Museo Egizio di Torino è considerato uno dei musei più importanti del mondo e certamente d’Italia e dal momento della sua seconda inaugurazione ha ospitato oltre 1 milione di visitatori da tutto il mondo.

Cosa vedere al Museo Egizio di Torino

Statuette_of_KhaL’esposizione del Museo si articola su quattro livelli: per quanto suggestivi siano tutti gli allestimenti e preziose le opere esposte, nulla coinvolge il visitatore quanto lo Statuario del Museo Egizio, che occupa gran parte del piano terra.
In quest’area sono disposte statue di grandi dimensioni raffiguranti divinità, sfingi e, naturalmente, faraoni. Sunto perfetto della storia egizia e dell’immaginario che intorno ad essa si è sviluppato nei secoli, lo Statuario costituisce per il visitatore un’esperienza indimenticabile: lo spazio, ampio e oscuro è illuminato dalle lame di luce volute da Dante Rossetti, scenografo premio Oscar che realizzò nel 2006 l’allestimento “Riflessi di Pietra”. La lucida maestosità della pietra che emerge dalla penombra pone il visitatore al cospetto di un Divino allo stesso tempo ideale e tangibile.

La Tomba di Kha e Merit fa parte delle scoperte archeologiche del direttore Ernesto Schiaparelli e potrebbe, per importanza, numero e preziosità dei reperti da cui è costituita, occupare un intero museo.
Kha era l’architetto che ricevette dal faraone Amenothep III l’importante compito di supervisionare la costruzione della necropoli. Questo incarico di grandissimo prestigio gli conferì la dignità e la ricchezza rispecchiate dalla sua tomba che, al momento del ritrovamento nel 1906, non era mai stata violata.

L’esposizione allestita nel museo ha cura di riprodurre con la massima fedeltà la disposizione dei reperti al momento del loro ritrovamento.

Uno stupefacente e lunghissimo papiro riporta iscrizioni tratte dal libro dei morti e, immancabile, il sarcofago dorato di Kha riproduce le fattezze idealizzate dell’architetto, la cui mummia si è conservata intatta e può essere ammirata assieme a quella di Merit.

Orari museo Egizio Torino

Il Lunedì dalle 9:00 alle 14: 00
negli altri giorni dalle 9:00 alle 18.30

Museo Egizio Torino: come arrivare

Il museo si trova in via Accademia delle Scienza, 6, 10123 Torino

Treno
stazione di Porta Nuova
stazione di Porta Susa (+ bus 55 o 56, o tram 13, fino a Piazza Castello)

Mezzi pubblici urbani:
Autobus: 13; 55; 56; 72; 72/
Metro: Porta Nuova

Biglietti Museo Egizio Torino

Ingresso intero (Museo + Mostra): 15 Euro
Ingresso ridotto (giornalisti con tessera valida e ragazzi dai 15 ai 18 anni): 11 Euro
Ingresso ridotto 2 (bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni): 1 Euro
Gruppi scolastici Scuole Elementari e medie: dai 6 ai 14 anni + 2 insegnanti, 1 Euro a testa
Gruppi scolastici Scuole Superiori: gruppo + 2 insegnanti: 4 Euro a testa
Bambini fino a 5 anni, grandi invalidi e accompagnatori, Membri ICOM, Abbonamento Musei Torino Piemonte, Torino + Piemonte Card: Gratuito.

Biglietti on line: E’ possibile acquistare biglietti on line per il Museo Egizio: conferiscono ai possessori il diritto di saltare la coda all’accettazione.

Ai gruppi o ai singoli visitatori che hanno prenotato una visita guidata si consiglia di presentarsi all’accettazione 20 minuti prima dell’orario dell’inizio effettivo della visita.

Wi – Fi: Free wi – fi in tutta la superficie del museo

Altre Mostre

I biglietti d’ingresso al museo danno anche accesso alla mostra “Missione Egitto 1903 – 1920” che ripercorre gli eventi e le scoperte di una delle più importanti missioni condotte dal museo torinese.
Nei mesi di Luglio e di Agosto il museo e la mostra saranno visitabili dalle 9:00 alle 22:30 e a partire dalle 18:30 il costo del biglietto d’ingresso è fissato a 5.00 per tutte le categorie di visitatori.

Anche al percorso “Luoghi Viventi” si potrà accedere con il solo biglietto del museo.

Ha la guida turistica?

Nel prezzo del biglietto è compresa un’audio-videoguida per visitatori singoli.
Le visite guidate presentano una maggiorazione di 7 Euro a persona o 5 Euro a persona nei week end.
Per i gruppi (formati al massimo da 25 persone) si può organizzare una visita guidata al prezzo di 90 + 10 o di 110 + 10 per una visita guidata in lingua straniera. Le visite guidate vanno sempre prenotate.
Contatti telefonici:
Tel.: 011.5617776 – info e prenotazioni: 011.4406903

Contatti email:
info@museitorino.it

Durata media della visita:

Una visita guidata dura circa 2 ore, usufruire dell’ audioguida allunga il tempo di fruizione a 3 ore circa. Conclusa la visita è possibile rimanere nel museo tutto il tempo che si desidera.
Durante le visite è concesso fare fotografie a patto di non utilizzare il flash.

Voucher:
Si accettano mostrati dallo smartphone o in forma cartacea

Accesso disabili:
Assenza di barriere architettoniche per carrozzine, ascensore a norma, servizi igienici per disabili, 16 parcheggi auto riservati a disabili.
Possibilità di accedere a materiale braille in merito ai reperti ospitati nel museo.
Accesso consentito ai cani guida per ciechi, accesso negato agli altri animali.

Leave A Comment