storia-musei-italiani

La storia dei musei italiani

I musei in Italia risultano essere una struttura che riesce ad offrire il miglior tipo di soddisfazione possibile ad una persona, soprattutto quelle che vogliono accrescere il loro livello culturale in maniera esponenziale.
Ecco com nascono i musei in Italia.

Il concetto prima di museo

Prima che nascessero i musei, le opere d’arte erano presenti in grande numero all’interno del suolo italiano.
Ovviamente, queste avevano un altro tipo di significato completamente differente rispetto a quello che oggi si conferisce alle stesse.
Se oggi si parla di bellezza da ammirare e che permette anche di effettuare diversi spunti riflessivi, attorno al XV secolo queste opere d’arte erano grande motivo di vanto e soprattutto riuscivano ad aumentare, in una maniera quasi esponenziale, il prestigio che poteva avere una famiglia composta solo ed esclusivamente da nobili.
Queste grandi opere d’arte venivano poste in un grande salone, generalmente accompagnato da oggetti di ornamento del massimo valore, che riuscivano a far aumentare il concetto di mostra nata per poter far aumentare appunto il prestigio di quella famiglia.
Maggiormente valorose erano questa particolari tipologie di opere, migliore era il responso finale che, quella particolare famiglia, otteneva all’interno della società del periodo.
Occorre ovviamente parlare del fatto che, nella maggior parte dei casi, queste mostre venivano organizzate in maniera continuativa nel tempo e soprattutto con cadenza regolare, in modo tale che i nobili potessero evitare dei cali di popolarità.
Occorre anche parlare del fatto che, per poter riuscire ad aumentare il suddetto prestigio, le famiglie nobili generalmente cambiavano le opere d’arte che venivano mostrare, in maniera tale che si potesse essere sicuri del fatto che, le suddette famiglie, potessero essere in grado di dimostrare a tutti il loro grande valore, sena alcuna ombra di dubbio ed errore poco piacevole da commettere.
Importante aggiungere pure come, le diverse tipologie di opere, erano accomunate da un elemento chiave: si parla dello stesso autore oppure di soli quadri o ancora di sole sculture, le quali avevano appunto il compito di rendere maggiormente prestigioso quel tipo di mostra.
I musei quindi non erano pubblici e non erano nemmeno concepiti nella propria mente, dettaglio che non bisogna assolutamente sottovalutare.
Solo col passare del tempo è possibile parlare di museo vero e proprio.

Il 1796: la nascita dei musei in Italia

E’ il 1976 ed anche in Italia il concetto di museo è completamente sconosciuto.
A rendere possibile la nascita dei musei sul suolo italiano è un comportamento che venne assai contestato da parte degli italiani e degli intellettuali francesi.
Accade infatti che, molte truppe francesi grazie alla nascita dei musei sul loro suolo territoriale decisero di invadere l’Italia stessa per effettuare una sorta di furto delle opere stesse.
I nobili, che avevano l’usanza di creare queste mostre, si videro privati delle varie opere prestigiose.
Occorre sottolineare il fatto che, molte di essere vennero distrutte, bruciate e questo comportamento non venne assolutamente accettato da parte dei vari nobili ed intellettuali, anche francesi.
Molte persone che contarono al periodo fecero in modo che le diverse opere fossero restituite ai proprietari, in maniera tale che questi potessero esporle nuovamente.
Accadde quindi che col passare del tempo, la situazione in Italia fu completamente sconvolta dalle diverse battaglie interne ed anche quelle con altri paesi ritardarono la nascita dei musei nazionali, che nacquero solo con l’Unione d’Italia.
Da quel preciso momento vengono realizzati i diversi musei civili, che col passare del tempo non fecero altro che rendere migliori e soprattutto aperti a tutti i vari musei, i quali si fecero la guerra per poter riuscire a conquistarsi le varie opere d’arte.

I musei in Italia furono quindi molto importanti visto che, molti di essi, hanno scritto pagine e pagine di storia e ancora ad oggi sono molto importanti.
Sarà quindi possibile notare come, tale tipologia di struttura in Italia, nasce attorno al XIX secolo per poi evolversi in maniera attenta e costante

Leave A Comment